“Lavoro Fragile, Pratiche Resistenti”: L’acqua calda e l’acqua fredda a Milano il 25 maggio

Il documentario “L’acqua calda e l’acqua fredda” sarà proiettato a Milano nell’ambito dell’evento “Lavoro Fragile, Pratiche Resistenti” in programma sabato 25 maggio 2019 a nello spazio Mare culturale urbano(Giuseppe Gabetti 15), a cura di Attraversamenti – Luoghi Arti Culture. La giornata, dalle 10.30 alle 18.30, vedrà dialogare diversi linguaggi artistici «per esplorare il senso di ciò che oggi è “lavoro”». Continua a leggere

L’acqua calda e l’acqua fredda a Film 4 Future alla Cooperativa Insieme

Giovedì 29 novembre 2018 il documentario L’acqua calda e l’acqua fredda sarà proiettato alla Cooperativa Sociale Insieme di Vicenza, nell’ambito della rassegna “Film 4 Future”, promossa dalla Cooperativa sociale Insieme in collaborazione con Working Title Film Festival, a cura di Marina Resta, direttrice artistica di WTFF.

L’orario è alle ore 20.30, il luogo la sala della Cooperativa Insieme, in via Dalla Scola 255 a Vicenza. L’ingresso è gratuito. Continua a leggere

Proiezione al corso di Sociologia dell’Università di Padova

Una proiezione nell’ambito del corso di Sociologia porta di nuovo, dopo tre anni, L’acqua calda e l’acqua fredda all’Università di Padova.

L’appuntamento con gli studenti del professor Michele Basso (e con il pubblico che vorrà essere presente) è per giovedì 29 novembre 2018 alle ore 12.30, all’Aula magna del Dipartimento di Scienze Storiche Geografiche e dell’Antichità – DiSSGeA, a Palazzo Luzzato Dina in via del Vescovado 30, Padova.

Dopo la proiezione seguirà un dialogo con i registi Marina Resta e Giulio Todescan. Continua a leggere

Proiezione “L’acqua calda e l’acqua fredda” ai Ferrovieri (Vicenza)

Domenica 23 settembre 2018 “L’acqua calda e l’acqua fredda” torna dopo un po’ di tempo a Vicenza. La proiezione, alle ore 20.30, avverrà all’aperto, in uno spazio privato e collettivo, un cortile nel quartiere Ferrovieri, all’incrocio fra via Baracca e via Filzi, gentilmente messo a disposizione dagli abitanti delle vicine case “dei ferrovieri”. L’ingresso alla proiezione è gratuito.

L’iniziativa, che avrà un carattere conviviale e intimo in una location così speciale, si inserisce nel programma del Festival della Vicenza libera: una serie di eventi culturali promossi da un arcipelago di gruppi e associazioni che si svolgeranno dal 14 al 23 settembre, “due settimane per parlare di libertà e declinarla attraverso differenti forme espressive, artistiche, comunicative, culturali, di lotta”.

Continua a leggere

Al circolo Nadir di Padova

Venerdì 20 aprile (ore 20.30) il circolo Nadir di Padova (Piazza Gasparotto 10) ospita una proiezione de L’acqua calda e l’acqua fredda.

Alla proiezione seguirà un dibattito con gli autori Marina Resta e Giulio Todescan, anche prendendo spunto dalle recenti notizie che hanno coinvolto Giovinazzo, con il vero o presunto “assalto ai Caaf” per la richiesta del reddito di cittadinanza dopo le elezioni del 4 marzo 2018 (per approfondimenti: un articolo su A Nordest Di che).

L’ingresso è libero con tessera Arci.

Qui l’evento Facebook.

Proiezione all’Accademia dei Concordi a Rovigo il 21 dicembre 2016

L’acqua calda e l’acqua fredda sarà proiettato il 21 dicembre 2016 alle ore 17:30 nella Sala degli Arazzi all’Accademia dei Concordi,  in Piazza Vittorio Emanuele II, 14 a Rovigo.

Saranno presenti i registi Marina Resta e Giulio Todescan, che presenteranno il film.

La proiezione fa parte della rassegna “Registi veneti raccontano il sociale. Contaminazioni d’autore”, ideata da Federico Massa e Raffaele Pizzatti Sertorelli, in collaborazione con la Mediateca Regionale.

L’acqua calda e l’acqua fredda è il terzo film in programma dopo A tempo debito di Christian Cinetto (1 dicembre) e Fuori classe di Stefano Collizzolli (7 dicembre).

Ingresso libero, fino a esaurimento posti.

Per informazioni: www.concordi.it 

registi-veneti-raccontano-il-sociale-contaminazioni-dautore

Il lavoro culturale intervista Marina Resta

161125lavoroculturale_homepageIl sito di critica culturale “Il lavoro culturale” ha pubblicato il 25 novembre 2016 un’intervista di Chiara Zanini a Marina Resta, regista de L’acqua calda e l’acqua fredda.  L’articolo intitolato “Come sta il cinema italiano? Lo abbiamo chiesto a Marina Resta” si può leggere a questo link e fa parte di una serie di interviste che saranno raccolte in un futuro e-book, sullo stato dell’arte del cinema italiano in relazione alla nuova legge sul settore approvata di recente.

Menzione speciale per la miglior produzione indipendente al Mediterraneo Video Festival

La giuria della diciannovesima edizione di Mediterraneo Video Festival composta dal giornalista Stefano Pignataro, dalla critica cinematografica Antonella Mancusi e dal regista Marco Arturo Messina ha conferito a L’acqua calda e l’acqua fredda una menzione speciale per la miglior produzione indipendente.

Ringraziamo la giuria, Maria Grazia Caso, direttrice artistica di Mediterraneo Video Festival e tutto lo staff del festival.

A questo link tutti i film premiati.

In concorso al Mediterraneo video festival

mediterraneo-video-festival-2016Il Mediterraneo video festival ha selezionato il documentario L’acqua calda e l’acqua fredda per il concorso della 19esima edizione, che si terrà dal 16 al 18 settembre 2016 ad Ascea Velia, nel Cilento in provincia di Salerno.

La proiezione è programmata per il 17 settembre alle ore 18 nella sala 2 del prestigioso Palazzo De Dominicis – Ricci ad Ascea Velia (SA).

Il festival è una rassegna internazionale del cinema documentario dedicato al paesaggio culturale del Mediterraneo.

Sono 10 i film internazionali in concorso: qui si possono leggere le sinossi e guardare i trailer.

In concorso a Culture Unplugged Film Festival 2016

 

Schermata 2016-06-16 alle 15.07.41

L’acqua calda e l’acqua fredda è stato selezionato da Culture Unplugged Film Festival 2016, festival internazionale on-line che ha la sua base organizzativa in India, Usa, Indonesia e Nuova Zelanda.

Il film è programmato e sarà visibile qui per 24 ore mercoledì 22 giugno e giovedì 23 giugno.

Il pubblico potrà esprimere il proprio giudizio a riguardo e, se vorrà, effettuare delle donazioni attraverso PayPal.